La Bce rassicura: tassi d’interesse stabili per tutto il 2017

bce tassi bassi a lungo

Nel bollettino economico riramato oggi dalla Bce, è stato comunicato che i tassi d’interese resteranno ai livelli a cui siamo abituati in questo periodo per un ancora molto tempo, in previsione sino alla fine di dicembree anche fino al 2018 se necessario, con un allentamento delle tensioni e timori riguardanti l’inflazione risalita all’1,8% nell’Eurozona.

Nel bollettino, la Banca Centrale Europea dice che è aumentata nel nettore degli alimentari e dell’energia del 0,9% anche se non ci sono segnali che indicano un ulteriore rialzo.

Nel comunicato della Bce traspare invece una preoccupazione riguardo gli investimenti e il fattore politico ad interferire:” Suggeriscono nel quarto trimestre del 2016 un’accelerazione della crescita degli investimenti delle imprese a fronte di un leggero rallentamento della crescita degli investimenti in costruzioni rispetto al terzo trimestre. Secondo le attese, la ripresa degli investimenti dovrebbe continuare anche oltre il breve periodo e sarà sostenuta da condizioni finanziarie molto favorevoli, esigenze di sostituzione e utili in miglioramento”. Per la banca ci sono rischi al ribasso che riguardano soprattutto le situazioni geopolitiche come la Brexit che ha privato l’Unione Europea del Regno Unito e le nuove politiche di Trump che stravolgeranno le politiche commerciali degli Stati Uniti.

 

Trump fa discutere: Rihanna e Azealia Banks “battaglia” sui social.

rihanna banks

rihanna banksPare che quest’anno sia animato principalmente di screzi tra celebrità della musica, prima su territorio italiano tra Fedez & J-Ax contro Marracash & Gueè Pequeno e ora tra Rihanna e Azealia Banks, rapper statunitense.

La discussione è abbastanza accesa tanto che potremmo chiamarla “battaglia”. Il tutto è iniziato il 28 gennaio con un post che Rihanna ha condiviso su Twitter a proposito del divieto temporaneo, emanato da Trump, di far entrare cittadini provenienti da 7 paesi musulmani. “Sono disgustata, la notizia è assurda! L’America sta cadendo in pezzi proprio davanti ai nostri occhi.” Queste sono state le parole piene di rabbia di Rihanna.

La Banks, anche lei piena di rabbia, non ha perso tempo a rispondere: “Rihanna (che tra l’altro non è cittadina americana e che quindi non può votare), e tutti gli altri personaggi pubblici che sfruttano la loro influenza per confondere il popolo, dovrebbero veramente stare zitti e buoni. Smettetela di prendervela con il presidente. È stupido e patetico. Non fate altro che confondere le persone”.

La discussione è andata degenerando frettolosamente tanto che Rihanna stanca della situazione ha reso noto il numero di cellulare della collega rapper. La Banks, subito dopo, ha risposto con la stessa moneta, pubblicando il numero di cellulare di Rihanna. Il neo presidente Trump sta creando, non pochi scompigli, anche tra personaggi dello spettacolo.

2017: tutti i cinecomics da vedere!

cinecomics

cinecomicsAnche quest’anno, 2017, pieno di cinecomics da vedere! Quindi prendete carta e penna e organizzatevi! Data la quantità di film rischiate di non riuscire a vederli tutti!

Ecco i vari titoli confermati ufficialmente in ordine cronologico in base alle uscite nelle sale italiane:

  • 9 febbraio 2017: The Lego Barman Movie.
  • 2 marzo 2017: Logan. Per la nona volta Hugh Jackman ritornerà panni di Wolverine, ma questa, ha dichiarato che sarà l’ultima volta per lui.
  • 25 aprile 2017: Guardiani della Galassia 2.
  • 23 giugno 2017: Wonder Woman. Dopo l’apparizione della principessa amazzone Diana, nel film ‘Batman vs Superman:Dawn of Justice’ , le spettava un film tutto suo, ed eccolo qui!
  • 6 luglio 2017: Spiederman Homecoming. Dopo averlo conteso tanto, la Marvel ha di nuovo in mano i diritti e ha deciso di ricominciare da zero con un nuovo attore, il giovanissimo Tom Holland che abbiamo già visto apparire sempre nel ruolo di Peter Parker(Spieder-man) nel film ‘Captain America: Civil War’, il ragazzo è stato reclutato da Tony Stark (Robert Downey Jr.) che apparirà a sua volta nel film del nostro Spider-man.
  • 21 luglio 2017: Valerian e la Città dei mille Pianeti. Nuovo film di fantascienza tratto dal celebro fumetto Valèrian et Laureline.
  • 25 ottobre 2017: Thor: Ragnarok.
  • 17 novembre 2017: Justice League Parte 1.

I colossi del web uniti contro messaggi di odio e terrorismo

anti

antiI grandi colossi del web hanno avuto un richiamo dalla Commisione Europea per quando riguarda la rimozione dal web di contenuti terroristici e messaggi d’odio, “devono fare di più” dicono.

Soprattutto in questi casi bisogna pensare che l’unione fa la forza, per questo Facebook, Microsoft, Twitter e Youtube hanno creato un database di immagini e video violenti al fine di facilitare la rimozione dal web di questo tipo di contenuti, naturalmente il database sarà condiviso tra i colossi del web citati sopra.

Come se non bastasse la Boldrini, presidente della Camera, ha aggiunto: “I social network non danno seguito ai loro impegni nella lotta all’odio su Internet, negli ultimi sei mesi, solo il 28% dei messaggi segnalati come ‘hate speech’ è stato rimosso”.

Le varie compagnie dei social hanno, inoltre messo in condivisione le “impronte” digitali uniche che assegnano ai contenuti violenti o che riconducono ad attività terroristiche. Una specie di etichetta che i computer possono riconoscere. Il tutto serve per evitare che un video, ad esempio, bloccato su Facebook, compaia subito dopo su Youtube o Twitter.

Questa collaborazione è arrivata dopo diversi incontri tra le aziende dato che a maggio le compagnie già si erano impegnate con la commissaria UE alla Giustizia a rimuovere i messaggi di odio e terrorismo entro 24 ore.

Purtroppo, per Bruxelles, così non è stato e per questo ha formalizzato un richiamo facendo emergere dati riportanti le percentuali di contenuti di odio e terrorismo segnalati dagli utenti e rimossi dalle compagnie: 19,1% per Twitter, 28,3% per Facebook e 48,5% per YouTube.

Dopo il “No” Piazza Affari corre in positivo

piazza-affari

All’indomani del referendum costituzionale e delle preoccupazioni lanciate da Renzi riguardo i mercati finanziari, la risposta delle borse alla vittoria netta del “No” è più che positiva.

Piazza Affari sale con un netto +1,2% come il resto delle borse europee, in rialzo Londra +0,7% , Madrid +0,5% , Parigi +0,84% , Francoforte + 0,95%.

Anche il rendimento del decennale italiano si attesta al +1,95%, lo Spread sul BTp-Bund resta sotto i 160 punti.

Un vero e proprio “Boom” a Piazza Affari l’hanno fatto le banche, con Monte dei Paschi di Siena che balza a +9%. Sullo stesso trend anche le altre banche come Unicredit +2,3% e Intesa San Paolo +2,3%. Gli altri istituti di credito tutti in positivo con rialzo che si attesta tra il 2% e l’1%.

Anche la moneta unica, l’Euro sta dimostrando grande stabilità nonostante la crisi di governo italiana.

Dopo il calo dopo il referendum di lunedì, l’Euro ha riguadagnato valore e ha acquistato forza sullo Yen (122,48), sul Dollaro Usa (1,07).

In calo il prezzo del petrolio, ora quotato 53,53 dollari al barile.

IL PAPPAGALLO PARLA TROPPO E LA MOGLIE SCOPRE L’INFEDELTA’ DEL MARITO

15310242_10209889031734923_581677501_n

15310242_10209889031734923_581677501_nGli animali considerati domestici sono davvero una fortuna per le famiglie che ne godono la compagnia, quasi degli amici in più su cui contare. Andare a spiegare questo concetto ad un uomo del Kuwait possessore di un pappagallo “spifferone” però non è un compito facile. Il curioso episodio ha coinvolto una coppia di coniugi, smascherando un tradimento ad opera del marito con una cameriera. Il protagonista assoluto della vicenda è proprio il pappagallo della coppia, il quale ripeteva frasi d’amore che la donna non aveva mai sentito pronunciare da suo marito. La donna, già da tempo insospettita verso il marito, ha scoperto una relazione dell’uomo con la cameriera. La donna si è rivolta alle autorità per denunciare il marito (secondo le leggi del Kuwait infatti, l’infedeltà coniugale è punibile con la reclusione). Ancora il pappagallo protagonista nella vicenda, “ascoltato” dalla polizia come teste, la quale ha ritenuto inattendibili le deposizioni in quanto il volatile avrebbe potuto udire quelle frasi in qualsiasi altro modo come ascoltandole in radio o in televisione. Il marito è stato sollevato dalle accuse, ma la relazione tra i due coniugi, a quanto pare, è condannata.

Cellulite: a cosa è dovuta?

36973233-primo-piano-di-donna-glutei-con-cellulite-e-lente-di-ingrandimento-su-sfondo-blu-archivio-fotografico

36973233-primo-piano-di-donna-glutei-con-cellulite-e-lente-di-ingrandimento-su-sfondo-blu-archivio-fotograficoTra i fattori che causano la cellulite sicuramente abbiamo quattro fattori principali che non sono ‘modificabili’ come la predisposizione genetica, l’alimentazione, l’equilibrio ormonale e lo stile di vita.

Per fortuna però ci sono altri fattori quindi possiamo fare attenzione ad ulteriori cose per non accentuare la cellullite.

E’ risaputo che i raggi del sole, ad esempio, mirano ad indebolire le cellule del tessuto connettivo della cute. Perciò è buona norma limitare le ore di esposizione al sole, soprattutto nelle ore centrali della giornata, e utilizzare sempre delle creme protettive valide.

Lo stress, che ci accompagna nella vita di tutti i giorni, produce all’interno del nostro organismo un ormone chiamato cortisolo, capace di fissare il grasso nelle cosce e nel glutei. Attenzione però, un livello di stress elevato incrementa lo stoccaggio di massa grassa molto più del normale e agisce direttamente sulla cellulite mettendone in risalto la visibilità.

Anche le allergie influiscono su questo tipo di inestetismo. Quando nel nostro corpo si verifica una situazione di intolleranza vengono rilasciate le istamine che favoriscono la ritenzione dei liquidi e quindi la formazione di cellulite.

Il fumo invece è completamente da evitare dato che anche le sigarette elettroniche contengono una piccola quantità di nicotina. Il tutto rende la pelle secca, non tonica e provoca inoltre ritenzione idrica e quindi conseguente cellulite più accentuata.

Infine anche indossare pantaloni troppo aderenti ostacola il flusso del sangue e impedisce all’acqua di drenare, ciò accentua con maggior visibilità la cellulite.

Donna muore di meningite

index

index“La vaccinazione per tutti è l’unico modo per correre più veloce della meningite” ci ricorda la responsabile del centro di Immunologia pediatrica dell’Ospedale Meyer di Firenze, Chiara Azzarri. Qui, una donna è morta di meningite.

La donna di 45 anni è arrivata in condizioni estramamente gravi nel pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria Nuova ed è deceduta poche ore dopo.

Gli accertamenti svolti dal laboratorio di immunologia della Aou Meyer di Firenze hanno confermato la diagnosi di sepsi da meningococco di tipo C.

Immediatamente, è stata effettuata l’indagine epidemiologica con il fine di indentificare i contatti stretti da sottoporre a profilassi. La donna viveva a Firenze e con un semplice controllo sul data base dell’azienda sanitaria pare non si sia vaccinata contro il meningococco C.

Purtroppo il problema pare essere più grave, i casi di malattia causati dal meningococco sono sottostimati, infatti la responsabile del centro di Immunologia pediatrica dell’Ospedale Meyer di Firenze ha aggiunto: “Devono essere diffusi sistemi di diagnosi basati su analisi molecolari. In Toscana, questa tecnica ha permesso di identificare due terzi dei casi che altrimenti non sarebbero stati individuati”.

Apple alla carica: si lavora su nuovi occhiali per la realtà aumentata

apple

appleApple da sempre all’avanguardia sull’Hi-Tech, da indiscrezioni fornite dall’agenzia Bloomberg, starebbe lavorando a Cupertino ad un nuovo prodotto della casa della mela, che andrebbero ad inserirsi nel mercato dei device per la realtà aumentata. Dopo il flop clamoroso di Google attraverso i Google Glasses, Apple si starebbe lanciando nel mondo della realtà aumentata attraverso lo sviluppo degli “Apple Digital Glasses” che avrebbero delle opzioni innovative e soprattutto li renderebbe utilizzabili con vari dispositivi compatibili con cui interfacciarsi, e quindi essere connessi con più oggetti indossabili grazie ad uno sviluppo notevole anche nell’hardware. La realtà virtuale è il campo del futuro, e la Apple sembrerebbe fortemente interessata ad inserirsi in questo percato e ampliare la gamma di oggetti indossabili e connessi tra loro sotto il marchio Apple. Già nel 2013 Apple ha iniziato a investire nel campo della realtà aumentata attraverso l’assorbimento della “PrimeSense”, una società del settore dei videogiochi e nello specifico, del sistema di gioco Kinect di Microsoft. Nei due anni successivi Apple ha acquisito il controllo di altre due società specializzate nella realtà virtuale: Metaio (2014) e Flyby Media (2015). Ad oggi non c’è stato nessun accesso alla realtà virtuale, ma secondo Tim Cook, amministratore delegato Apple, l’uso della realtà aumentata è possibile e soprattutto il nuovo passo da intraprendere visto il successo planetario della applicazione “Pokèmon Go”, tuttavia, non ci sono attualmente secondo Cook ancora le possibilità di un’esperienza totalmente immersiva.

La “giovane Italia” è povera: i figli sono più poveri dei genitori

crisi

crisiL’istituto statistico dell’UE ha stilato una classifica che contempla i giovani tra i 18 e i 34 anni con dati allarmanti per l’Italia.

Sette giovani su dieci in Italia vivono a casa con i genitori con una media del 67,3 & rispetto alla media europea (47,9 %), peggio dei giovani italiani solo in Slovacchia e Malta.

Una tendenza questa che ha confermato la sofferenza dei giovani a causa delle difficoltà nel mercato del lavoro, che stando ai dati ISTAT, l’occupazione delle fasce di età dai 25 anni ai 34 anni e dai 35 anni ai 49 anni è calata rispettivamente di 74 mila e 164 mila occupati per fascia d’età.

Questo disagio porta ad un drastico aumento della povertà, infatti secondo un recente rapporto della Caritas, tra i poveri in totale, il 46,6% ha meno di 34 anni, ossia 2,1 milioni di persone di cui 1,1 milioni di minori, un vero disastro.
Il trend negativo è cominciato prima della crisi economica, e a risentirne è stato il 97% delle famiglie.